BROOKLYN. Williamsburg tra hipster e graffiti

May 13, 2016

SPREAD LOVE IT'S THE BROOKLYN WAY!     

Se avete voglia di rilassarvi tra gente alternativa, negozietti e un po’ d’arte, e allontanarvi per qualche ora dal traffico di New York, andate dritto a Williamsburg, il quartiere hipster di Brooklyn, il più trendy del momento.

Io ci sono stata a novembre dopo aver girato in lungo e in largo tra Brooklyn Heights, Brooklyn Bridge Park e Dumbo.

Dico la verità: amo Manhattan ma ogni volta che ci torno vado in esplorazione di cose e quartieri nuovi.

Avevo in mente Williamsburg da un bel pezzo anche se c'ero già stata una sera, insieme ad un gruppo di amici, per andare a cena dal mitico Peter. Per chi non lo sapesse, Peter Luger Steak House è una delle migliori american steak-house di New York dove la carne non si taglia col coltello...si scioglie in bocca.

Il quartiere si è radicalmente trasformato in poco più di un decennio e da ex zona industriale anonima - e anche un po' bruttina - fuori Manhattan è diventato un centro alla moda con localini sfiziosi, magazzini vintage, ristorantini e hamburgherie, con tanti hotel e terrazze dalle quali si gode di una vista strepitosa dello skyline della città.

E ancora gallerie, negozi di vecchi dischi introvabili, tradizionali bakery che sfornano muffins e cookies fino a tardo pomeriggio, e artigiani che lavorano pellame e tessuti e realizzano oggetti esclusivi che vendono in piccole boutique. 

Andarsene in giro da queste parti è davvero divertente, si percepisce un grande senso di libertà. Si respira un'aria speciale, molto Peace & Love...soprattutto LOVE, che mi piace da impazzire.  

Camminare in mezzo agli Hipster, quel pomeriggio, mi ha dato consapevolezza piena di dove fossi.  Perché gli Hipster non passano certo inosservati: felpe, cardigan e magliettone slabbrate e di tre taglie più grandi per gli uomini nella versione sportiva. Camicia o giacca a quadri e pants attillati per i tipi classici. Jeans a vita alta e a zampa o shorts per le donne. E poi, treccine, cappelli e sneakers alte e spesso bucate. Perché loro sono così, liberi e felici, con addosso quegli abiti anticonformisti e stravaganti che oggi dettano pure un po' la moda.

Ma la particolarità sono i baffi a manubrio, ben disegnati e col riccio all'insù, e gli occhialoni doppi, vintage e pure inutili. 

Comunque....io e la mia amica Maty abbiamo raggiunto il “Village” di Brooklyn da Dumbo con un taxi che ci ha lasciate, sotto nostra richiesta, nei pressi di Bedford Avenue dove ci siamo fiondate subito da DuMont Burger.

Lì ho mangiato un turkey burger esageratamente buono, accompagnato da salsa guacamole di cui sono ghiotta!

Bedford Avenue è l'arteria principale di Williamsburg ed è piena di gente, sempre. Con il freddo o il caldo, con la pioggia o con il sole. Voi andateci e troverete tutti lì. 

Le strade che si articolano intorno a Bedford sono piene di negozi, che pure ho guardato, ma la mia attenzione è andata direttamente su una serie di graffiti colorati e originali.

Ne avevo sentito parlare e avevo visto qualche foto ma quel pomeriggio a Brooklyn ero andata senza un'idea ben precisa di cosa volessi fare, senza un itinerario - che invece di solito traccio - e nemmeno sapevo bene dove fossero concentrati i graffiti. E quindi...trovarmeli sotto il naso all'improvviso è stato fantastico.

Williamsburg è un quartiere creativo, fantasioso, eccentrico. E tra le gallerie d’arte mobili dedicate a giovani talenti provenienti da tutto il mondo alle bancarelle che espongono in strada oli, acquerelli e dipinti su carta e legno non poteva quindi mancare la "street art", massima espressione di questo posto. 

Di graffiti qui ce ne sono davvero molti, sparsi in tutto il quartiere. Io ho fatto un giro tra la N 8th St e la Bedford Avenue, che non ha assolutamente deluso le mie aspettative. Anzi, al calar del sole mi è parsa ancora più bella.

Perciò, se posso consigliarvi...quando andrete a NY, fate una tappa qui. 

Magari noleggiate anche una bicicletta se è bel tempo e provate ad arrivare fino ad Est River....e poi mi direte... 

Piccole meraviglie della mia New York....

 

Please reload

POTREBBE PIACERTI ANCHE... 
Please reload

- Note Legali

Questo Blog non è una testata giornalistica e non è un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.

I testi pubblicati, i video e le foto usate sono originali e coperte da copyright. Tutti i diritti sono riservati.

Melania Bifaro | Giornalista | Travel Blogger

All Rights Reserved - 2016

  • Facebook - Black Circle
  • Instagram - Black Circle
  • LinkedIn - Black Circle
  • YouTube - Black Circle
  • Twitter - Black Circle
  • Google+ - Black Circle