ZANZIBAR. Stone Town & Prison Island

June 6, 2016

Bastano davvero poche ore per immergersi nell'atmosfera lenta e serena del quartiere più antico di Stone Town, che è Patrimonio dell’Umanità, con i suoi vicoletti, le guglie delle chiese, i portoni di legno intagliati e decorati, i negozietti d’artigianato, i suoi splendidi palazzi.

Nel mio viaggio a Zanzibar non potevo perdermi la visita alla capitale dell'isola.  

Stone Town è una città particolare che porta segni multietnici nella sua singolare architettura caratterizzata da elementi arabi, persiani, indiani e anche europei. Una città che è un labirinto, piena di cose che un tempo sono state bellissime e che oggi avrebbero invece bisogno di un importante intervento di ristrutturazione.

A Stone Town il giro è semplice. Non può mancare una visita alla Moschea, per esempio, una delle più antiche di Zanzibar, così come il Palazzo del Sultano e quello delle Meraviglie.

Passeggiare nelle stradine della città non è sempre facile. In alcuni tratti sono tortuose, buie, e senza una guida il rischio è perdersi. In ogni caso la gente del posto si affaccia curiosa dalle finestre e dai negozi a guardare questo fiume di turisti che, ogni giorno, fa su e giù tra i vicoletti.

la passeggiata ha incluso anche il mercato di frutta e spezie. Inutile dire che l'impatto è mlto forte, sia per i colori che per gli odori. Il profumo di cannella, chiodi di garofano e zenzero me li sono portati addosso finché non sono rientrata al villaggio.

Le persone sono molto gentili e silenziose e di quel momento mi torna in mente l'atmosfera: pacata, cordiale, accogliente.

Al mercato delle spezie mi sono ovviamente sbizzarrita, e vi consiglio di fare altrettanto: qui c'è davvero di tutto, la scelta è molto ampia e su ogni bancarella si trovano spezie di ogni tipo, profumo e colore.

se siete degli appassionati e amate - come me - la cucina etnica, non rinunciate a fare acquisti. Soprattutto provate il curry rosa e il pepe nero. Sono davvero speciali.

Il tramonto siamo andati a vederlo sulla terrazza dell’Africa House, delizioso bar frequentato da intellettuali, musicisti e artisti. Una bella sorpresa, anche perché non avevo visto molta gente in giro.

L'Africa House è un posto molto carino e curato e ottimamente frequentato. Un thè o un aperitivo qui, al calar del sole, sulla terrazza che affaccia sul mare rendono speciale la giornata.  

Un altro luogo delizioso da visitare è Prison Island, isola un tempo appartenne ad un arabo che la usava per confinarvi gli schiavi e successivamente usata per la sua antica prigione. Vi consiglio di andare sull'isola combinando l'escursione nella capitale. Sono molto vicine e ottimizzerete, in questo modo, i tempi.

Oggi Prison Island è meglio nota come l’isola delle tartarughe. Ed è vero. Una passeggiata qui è doverosa. L'interno della ex prigione è una piccola foresta naturale dove le tartarughe vivono libere a contatto con la natura e la gente.

Le tartarughe possono raggiungere un peso di oltre 200 chili. Vanno su e giù, a dozzine, in questo grande giardino e si lasciano accarezzare con semplicità e moderazione. Sembra quasi si mettano in posa per farsi fotografare. Molto garbatamente potete provare anche a solleticare loro la testa e il collo.

Molte hanno più di 200 anni e diversi esemplari appartengono probabilmente ancora alla prima generazione di tartarughe arrivate a Zanzibar nei secoli scorsi. E sembra che la nutrita colonia di Prison Island - che la popolazione locale chiama Changuu - sia fondamentale per la conservazione delle tartarughe giganti delle Seychelles. Per intenderci, quelle di Curieuse Island, nell'isola di Praslin, altro posto meraviglioso che ho amato moltissimo.

 

Please reload

POTREBBE PIACERTI ANCHE... 
Please reload

- Note Legali

Questo Blog non è una testata giornalistica e non è un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.

I testi pubblicati, i video e le foto usate sono originali e coperte da copyright. Tutti i diritti sono riservati.

Melania Bifaro | Giornalista | Travel Blogger

All Rights Reserved - 2016

  • Facebook - Black Circle
  • Instagram - Black Circle
  • LinkedIn - Black Circle
  • YouTube - Black Circle
  • Twitter - Black Circle
  • Google+ - Black Circle