ABU DHABI. Ferrari World: un pezzo d'Italia nel mondo

September 16, 2016

Il Ferrari World Abu Dhabi è una delle esperienze più divertenti che ho vissuto durante il mio viaggio negli Emirati Arabi. A Yas Island, lontana poco più di mezz'ora dal centro della capitale, c'è un meraviglioso pezzo della nostra Italia, costruito in breve tempo e che regna in mezzo a una serie di grandissime altre attrazioni. Un posto che chiunque dovrebbe mettere in agenda e visitare una volta qui. 
Il Ferrari World di Abu Dhabi è il primo parco a tema Ferrari e offre un'esperienza di intrattenimento unica. Molti - erroneamente - credono che sia semplicemente un parco divertimenti. Io trovo che questo pensiero sia estremamente riduttivo perché il Ferrari World è piuttosto una miscela esplosiva di ingegneria e di svago capace di catturare e coinvolgere un pubblico ampissimo. 
Iniziamo col dire che il parco è completamente coperto e climatizzato. E meno male, in effetti...considerate le temperature da queste parti, soprattutto d'estate.  
Quando ci siamo arrivate, io e la mia amica Laura, siamo rimaste a bocca aperta. Già lungo la strada, da Abu Dhabi al Ferrari, m'ero incantata a guardare le lunghe distese di sabbia e deserto intervallate dal mare. Poi ancora deserto, e di nuovo mare. A Yas Island c'è di tutto ma gli spazi sono talmente immensi che c'è ancora una enorme distesa di deserto in costruzione.

Abbiamo proseguito col pulmino dell'hotel finché si è materializzata la struttura del circuito: straordinariamente enorme, incredibilmente imponente e con quel tetto rosso sinuoso che si ispira direttamente al profilo laterale a curva doppia delle scocche Ferrari, e che si estende su più di 200 mila mq, riportando il più grande logo Ferrari mai creato. 
Il parco - 86mila mq di aree pubbliche e 450 mila mq di spazio paesaggistico che lo circondano - è di proprietà del governo di Abu Dhabi ed è un vero e proprio omaggio all'eccellenza italiana e allo sviluppo e alle innovazioni tecnologiche raggiunte da Ferrari in questi ultimi anni. Una sorta di esperimento che in poco tempo ha guadagnato diversi primati mondiali. 
Il Ferrari World, come detto, è a Yas Island, sede del circuito di F1 di classe mondiale, oltre che del grange waterpark Yas Waterworld, di un campo da golf, un'arena concerto e grandi alberghi e resort. Un posto destinato a diventare il nuovo centro di Abu Dhabi, dicono, raggiungibile facilmente anche da Dubai in meno di un'ora.
Il Ferrari World è aperto tutto l'anno, sette giorni su sette. Ed esistono diverse tipologie di biglietti e pacchetti speciali d'ingresso - anche dedicati alle famiglie - che vi consiglio di acquistare online, per risparmiare file chilometriche alla biglietteria e soprattutto ai giochi. In quest'ultimo caso, in particolare, acquistate anche il fast track o certe attrazioni non le farete mai!

Durante la mia "giornata Ferrari" non sapevo quasi da dove cominciare. Sono tornata un po' bambina, con l'entusiasmo alle stelle. Qui puoi fare ogni cosa: giochi, attrazioni, mostre, show dedicati alla Rossa di Maranello e virtual tour. E poi ristoranti e bar che sfornano pizza e spaghetti e servono caffè espresso e cioccolato rigorosamente italiano. 
Tra l'altro, qui, essere italiani è un vantaggio in più perché l'accoglienza riservata è davvero speciale.
Ho fatto il parco su e giù per ore. Per rompere il ghiaccio ho iniziato con il FioranoGT Challenge, il circuito più piccolo tra  le montagne russe. Troppo divertente. Sono passata poi al Cinema Maranello, dove mi sono regalata un viaggio di 10 minuti nel passato, alla scoperta della storia degli uomini che hanno trasformato il sogno Ferrari in una bellissima realtà.

Molto carino, e decisamente più tranquillo, è Bell'Italia, un giro a bordo di una piccola Ferrari biposto tra alcune delle città - del Nord - più belle d'Italia. 
La cosa più divertente  che ho provato è stata la Karting Academy che offre agli ospiti la possibilità di effettuare una sfida per testare la propria abilità di guida. L'attrazione ha 12 go-kart elettrici alimentati con una velocità massima di 80 chilometri all'ora e che corrono lungo una pista interna di circa 300 metri. I go-kart sono dotati di sistema di sicurezza roll-bar e di cinture a triplo allaccio. Questo gioco ha forse la fila più lunga in assoluto e bisogna anticiparsi un bel po' perché quando ci sono andata io, alle due del pomeriggio, erano già esaurite tutte le prenotazioni per la giornata. E se non fosse stato per il mio prezioso braccialetto fast vip...quel giochino non lo avrei mai provato!
Abbiamo indossato tuta, scarpe e casco prima di lanciarci nel circuito a tutto sprint! Fantastico! 

Una menzione a parte va a Formula Rossa, le montagne russe più veloci del mondo che schizzano nell'aria a 240 chilometri all'ora. Ma al parco hanno recentemente inaugurato un'altra "giostra" eccezionale: il Flyng Aces, le prime montagne russe tematiche a biplano che possiedono  l'anello più alto del mondo a 52 metri, con una pista di 1 chilometro e mezzo sospesa in alcuni tratti a 62 metri da terra...

E qui i puntini sospensivi ci stanno proprio tutti...!!!!
Giuro che da sotto fa davvero effetto a guardarla, tanto è che mi si sono drizzati i capelli e...mi sono rifiutata di farla! Tra l'altro ero anche reduce da un'esperienza da urlo fatta l'estate scorsa sulle roller coaster di Las Vegas dentro il New York New York Hotel. Mi sono semplicemente limitata a guardare e a fotografare qualche giro in attesa che la mia amica - più impavida di me - sperimentasse queste fantastiche montagne russe al posto mio.
Il FW è tra l'altro in fase di espansione. Quando il processo di allargamento sarà completato ci saranno sette nuove attrazioni in più e la capacità sarà superiore del 40%. Che tradotto in poche parole vuol dire...che non basterà un solo giorno per visitarlo tutto.

Un'altra cosa che consiglio assolutamente di non perdere è il Red Show: uno spettacolo mozzafiato di quasi un'ora che impegna artisti internazionali che, sullo stile del Cirque du Soleil, incantano grandi e piccini con danze acrobatiche, esperimenti di biking e molto altro ancora. Lo show si tiene soltanto due volte al giorno ed è sempre sold out.

Al FW potete provare anche il Ferrari Driving Experience che permette una straordinaria esperienza alla guida di una Ferrari a Yas Island, con un'autista addestrato capace di indirizzare i drivers alla guida di questi bolidi potenti.
Detto tutto questo...io mi sono divertita moltissimo. Poi il parco è sempre pieno di gente. Soprattutto di orientali, e di indiani in particolare, che si mescolano nel dedalo di strade e vicoli che il Ferrari riproduce. Ovunque ci sono vecchi e nuovi modelli dell'auto italiana, c'è musica in ogni ambiente ed è pieno di piante tropicali. Ma soprattutto, si respira aria di festa e allegria. 

Secondo me, passare una giornata qui, è quasi un obbligo: non puoi dire di essere stato ad Abu Dhabi se non sei stato al Ferrari World!

Please reload

POTREBBE PIACERTI ANCHE... 
Please reload

- Note Legali

Questo Blog non è una testata giornalistica e non è un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.

I testi pubblicati, i video e le foto usate sono originali e coperte da copyright. Tutti i diritti sono riservati.

Melania Bifaro | Giornalista | Travel Blogger

All Rights Reserved - 2016

  • Facebook - Black Circle
  • Instagram - Black Circle
  • LinkedIn - Black Circle
  • YouTube - Black Circle
  • Twitter - Black Circle
  • Google+ - Black Circle