• Mel Bi

ITALIA. Weekend a Roma: a spasso nella Città Eterna tra simboli, musei e posticini da non perdere


Mancavo da Roma da non so quanto tempo. Mi porto nel cuore la Città Eterna da sempre. Forse non ve l'ho detto mai, o forse si:, ma Roma è l'unica città in italia in cui mi sarei trasferita.

Avevo in mente di tornarci da un po' e, di rientro da un viaggio in Giordania, ho deciso di regalarmi un weekend in una città che è sempre magica.

Sono arrivata, stanchissima, a notte fonda in una capitale illuminata e deserta e l’ho trovata più bella che mai. Dall’aeroporto, in macchina, ho avuto la sensazione che ci avrei messo tanto a riprendermi e che mi sarei goduta poco il mio fine settimana. Invece Roma fa anche questo: riconcilia con se stessi pur travolgendoti con il suo brio e la sua bellezza. E in brevissimo tempo, che dirvi: mi sono goduta pienamente e con spensieratezza la Capitale.

la verità è che mi ero ripromessa di non correre nei giorni romani. L'obiettivo era di tornare nei "miei soliti posti", quelli che amo di più, pur se visti e stravisti, ma con l'intento anche di portare a casa qualcosa di nuovo.

Così ho stilato una piccola wish-list prima di partire e alla fine sono riuscita a concretizzare il weekend come l'avevo immaginato.

Vi ripropongo qui le mie tappe, incluse di attrazioni, hotel, ristorantini e posticini vari che secondo me vale la pena provare. Non è una mini guida ma un mini itinerario weekend si, dedicato a chi a Roma è stato già anche più di una volta e ha voglia di viverla con maggiore calma. Sono dritte per chi - come me - vuole prendersela con comodo insomma. Ci troverete il mio giro, con info sui luoghi più blasonati, i simboli di Roma per intenderci, e qualche dritta su dove fermarsi a mangiare e dove dormire, oltre che posticini, inediti per qualcuno, da scoprire.

Sono certa che potranno tornarvi utili perché Roma è una città talmente grande e piena di cose belle da vedere e da fare che talvolta si rischia di perdersi nella sola immaginazione.

Intanto eccomi, parto dai "simboli". So di iniziare dall'ovvio ma come si fa ad andare a Roma e a non passare davanti al Colosseo o a Fontana di Trevi?






ROMA: IN GIRO NEI LUOGHI SIMBOLO

Non si può mettere piede a Roma senza passare in alcuni dei luoghi che sono il suo simbolo: il Vittoriano, i Fori Imperiali, il Colosseo, Fontana di Trevi, via del Tritone e via Del Corso, Piazza di Spagna e Trinità dei Monti, Villa Borghese e San Pietro, Piazza del Popolo e Piazza Navona.

Roma è così: come una specie di labirinto bellissimo in cui entri e da cui non riesci più ad uscire perché ogni angolo è bellezza e storia. E pure se quella storia l'hai già vista tredicimila volte, non si può fare meno di subire il fascino di questa Grande Bellezza.

Avrei potuto certamente vedere tanto di più, ma conosco la città da sempre e avevo desiderio di vivere qualche giorno immersa nella sua atmosfera frizzante e rilassata al tempo stesso senza affanni e corse.

Volevo passeggiare e respirare l’aria buona della Capitale incantandomi dinanzi ad ogni cosa. Trovo che Roma sia una delle città più belle del mondo, ed è un posto da cui mi sento sempre accolta a braccia aperte e la sensazione è quella di essere andata via appena il giorno prima.

Andare a zonzo per le strade di Roma è una cosa che mi piace tantissimo e vederla nuovamente gremita di gente, da ogni parte del mondo, dopo il Covid è stato un bel colpo al cuore. Come dicevo, ne adoro alcuni simboli: dall'altare della patria al Colosseo. Poi mi fanno impazzire - e sognare - Piazza di Spagna e Trinità dei Monti, che salgo e scendo sempre di corsa, o Fontana di Trevi dove ho lanciato non so più oramai quante monetine.

Infine perdermi nei quartieri, nei vicoli, quelli in cui mi sembra di non essere mai passata, a guardare portoni e finestre, o balconi in fiore, o mura di palazzi antichi ricoperti d'edera credo sia la cosa più bella del mondo.

Così come andare in giro senza avere esattamente una destinazione finale... Un’esperienza che ovunque, ma a Roma in particolare, può risultare bellissima. Per ciò che si scopre, per la gente che si incontra…





ROMA: ALLA SCOPERTA DI QUALCOSA DI NUOVO (PER ME)

In giro a Roma e senza affanni, si. Ma sempre con un minimo di organizzazione per per vedere qualcosa di nuovo. Così, ecco un po' di cose che avevo segnato già da un po' e che finalmente - ho portato a casa.


- MUSEI VATICANI

Non saprei dire da quanto desiderassi visitare i Musei vaticani. Dopo anni, ci sono riuscita. Una sorta 'impresa, direi.

Immaginavo una visita più veloce ma i Musei sono talmente ricchi e preziosi che va via quasi una giornata.

La fila per l’accesso è sempre lunghissima ma acquistare i biglietti online agevola molto. Mappa alla mano e l’incanto si apre in un attimo dinanzi agli occhi.

Ho amato il padiglione delle carrozze, la pinacoteca, il museo egizio e le meravigliose stanze di Raffaello.

Inutile dirvi poi dell’emozione in Cappella Sistina, a completamento della visita, dove sarei rimasta per ore. Trovate i biglietti cliccando qui.


- IL GIARDINO DEGLI ARANCI

Questo giardino molto bello che è il Parco Savello si trova sull’Aventino, nell’area dell'antica fortezza costruita dalla famiglia dei Savelli. Le mura medievali della fortezza cingono il piccolo giardino rettangolare che si affaccia sul Tevere e che regala una vista mozzafiato su Roma. Tra l'altro ci sono andata a inizio primavera e ho il ricordo di un inebriante profumo nell'aria.


- IL BUCO DELLA SERRATURA

Si chiama così il buco della serratura nel portone della Villa dei Cavalieri di Malta dal quale si può ammirare la cupola di San Pietro incorniciata dalle siepi dei giardini. Lo trovate all’uscita del giardino degli aranci girando a destra. Riconoscerete il posto dalla fila che si forma. Io ci sono tornata di notte per avere un via libera immediato. E’ nella piazza dei Cavalieri di Malta, progettata dall’incisore Giovan Battista Piranesi nel 1765.

Sembra una sciocchezza ma provate a guardare in quel buco e mi direte.

(la foto l'ho recuperata online poiché io ci sono andata di notte e la vista era magnifica ma con il mio telefono non è venuto granché).


- TERRAZZA DEL PINCIO

Vi sembrerà assurdo ma sono stata tante volte a Villa Borghese senza affacciarmi mai dalla terrazza del Pincio.

Stavolta ci sono andata e la vista su piazza del Popolo, sulla Cupola di San Pietro e su Castel Sant’Angelo e...inutile dirvi che mi sono inchiodata lì per un tempo abbastanza indefinito, incantata dalla magnificenza di Roma.


- SOHO HOUSE ROMA

SoHo House è stata la mia piccola chicca romana. La prima SoHo House italiana è stata inaugurata a Roma giusto qualche mese fa e io ci sono stata per un pomeriggio/serata. Uno spazio super Vip (che è un intero palazzo con roof, camere, ristorante, spa, piscina e tanto altro) dove accedono esclusivamente i membri, selezionati nel mondo attraverso criteri che non sto qui a araccontarvi. Sappiate solo che Soho House è un club privato dove i suoi membri sono "quelli che dettano tendenza". Club super che trovate a NY, Parigi, Tel Aviv e in molte altre città del mondo (la prossima apertura in Italia è per il 2023 a Milano) dove la "figaggine" è di casa!






ROMA: DOVE MANGIARE

Roma ha una varietà di scelta immensa, e non solo per quanto riguarda il food. Ho provato qualcosa di nuovo ma ci tenevo a tornare in un posto che a Roma adoro. Ecco qui per voi:

- LA ZANZARA BISTRO

Uno dei miei posti preferiti, c'ero già stata un paio di volte e volevo assolutamente tornarci. Il bistrot è davvero bello, posto storico e molto conosciuto nella capitale. Si tratta di un All day lounge dove si può spaziare da aperitivo a brunch e cena. Offerta gastronomica meritevole e ambiente chic, gli interni sono molto american style. Provatelo, ve lo consiglio spassionatamente. Io ci sono stata sia per un aperitivo che a cena.

- VOS ROMA

Ristorantino scoperto per caso e perfetto se volete un attimo di relax accompagnato da buon cibo. La carbonara è ottima e pure i carciofi alla giudea. Il ristorante ha un giardino interno che è un’oasi di pace nel cuore di Roma. Staff molto gentile e location molto curata.

- TERRE E DOMUS

Posticino essenziale ma molto esenziale carino nei pressi dell’Altare della Patria, esattamente appoggiato al Foro di Traiano. Ha una sala interna ma io ho pranzato all’aperto con vista sul Vittoriano. Usa materie prime selezionate e prodotti a km zero. Buona la Cacio e pepe con vista - eccezionale - su duemila anni di storia.





ROMA: DOVE DORMIRE

Per il mio soggiorno a Roma ho trascorso il weekend in un posticino delizioso, l’hotel Dharma Style, del Gruppo Dharma, albergo di lusso a 4 stelle in un palazzo storico di Roma che affaccia sul Teatro dell’Opera. L'hotel si trova a pochi minuti a piedi dalla Stazione Termini ed è il punto di partenza perfetto per esplorare Roma.

Avevo una piccola suite, molto carini gli arredi e bello l'affaccio sui tetti di Roma. Avevo tra l'altro il bagno turco in camera. Ho apprezzato moltissimo il fatto che la reception fosse aperta giorno e notte, soprattutto perché sono arrivata molto tardi e temevo per il check-in. Lo staff è veramente gentile e anche questo fa la differenza.

L’Hotel serve una buonissima colazione dolce e salata anche con torte fatte in casa e, nonostante sia in posizione centralissima – si arriva al Vittoriano e ai Fori Imperiali in una manciata di minuti - è un rifugio di tranquillità nella Capitale. Infine, non ha un parcheggio privato ma ha una convenzione con un parcheggio nelle zone limitrofe e, in ogni caso, è possibile parcheggiare in zona molto facilmente poiché è ZTL e quindi ad una certa ora l'area si libera un po' e potreste trovare in un attimo il parcheggio proprio sotto l'hotel.

Per sbirciare un po', per un giro virtuale nell'hotel, cliccate qui.



676 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti