• Mel Bi

ITALIA. Napoli, dal lungomare ai Quartieri Spagnoli: i dieci posti più instagrammabili della Città

E chi lo sa! Chi lo sa come è Napoli veramente.

Comunque io certe volte penso che anche se Napoli, quella che dico io, non esiste come città, esiste sicuramente come concetto, come aggettivo.

E allora penso che Napoli è la città più Napoli che conosco e che dovunque sono andato nel mondo ho visto che c'era bisogno di un poco di Napoli.

Luciano De Crescenzo


————————————————————————————————————————————————— Quanta verità in queste parole del Professore!

Io che qualche giro l’ho fatto, non potete capire quanto bene mi fa sentire parlare bene di Napoli nel mondo.

Perché è vero che vivo con questa città una “storia di contrasto”, fatta di amore (tanto amore) e odio (che quando gira male, quante ne avrei da dire!) ma per quanto sia complessa, e difficile, e a volte inspiegabilmente faticosa, Napoli è e resta una città meravigliosamente vibrante, appassionata e indiscutibilmente unica!

Di quelle che - qualunque cosa accada - mi basta una giornata di sole per calmare pensieri e cuore.

Sono napoletana e vivo da sempre qui. E in questi lunghi mesi di fermo ho davvero avuto modo di girarla e di viverla un po' di più. Avendo più calma, e soprattutto più tempo, mi sono accorta di quanto certi luoghi che sono da sempre il mio quotidiano, la mia insostituibile normalità, siano invece - per chi chi vive altrove - il posto magico da fotografare, la cartolina da immortalare e condividere, il ricordo dell'attimo da conservare sul telefono.

Così ho messo insieme un po' di scatti, di quelli che secondo me raccontano molto di Napoli e...quando finalmente potremo riprendere a varcare il confine tra le regioni, vi invito a trascorrere qualche giorno in questa città meravigliosa che ha la sua ricchezza più grande non solo nel sole, nella pizza e nel mare ma soprattutto nella gentilezza e nella passionalità della sua gente.

Vi lascio una "Mini Bucket List" con i dieci posti più instagrammabili di Napoli. Di quelli che... "DIMMI CHE SEI STATO A NAPOLI SENZA DIRMI CHE SEI STATO A NAPOLI"!

Ma attenzione, come amo spesso ripetere, prendetela semplicemente come suggerimento perché la città offre talmente tanto che - sono certa - non saprete dove guardare.

Il mio consiglio vero è...Perdetevi a Napoli.

Non esiste cosa più bella che lasciarsi guidare dai colori, dagli odori e soprattutto dal proprio istinto per scoprire con gli occhi pieni di curiosità quello che non avete ancora mai visto.

Ogni angolo che svolterete, ogni vicolo che percorrerete, dinanzi ad un palazzo storico, dentro il cortile di un monastero, all’ingresso di una chiesa o sulla terrazza di un castello...non importa dove ma sono certa che troverete l'anima di Napoli un po' ovunque e sentirete che quello è il posto giusto da immortalare, il vostro ricordo della città da portare a casa.




1 - IL LUNGOMARE DI NAPOLI

Pensando a Napoli, cosa vi viene in mente se non il mare?

Il lungomare è un posto rappresentativo e magico della città non solo perché è una passeggiata che non dimenticherete mai ma anche perché è il modo più genuino che c’è per comprendere quanto i napoletani siano profondamente legati alla loro ricchezza più grande, il mare appunto.

Dal Molo Luise a Mergellina e fino alla fine di via Caracciolo non riuscirete a distogliere lo sguardo dalla città che si specchia nel Golfo. Il tratto più instagrammabile è proprio quello di via Caracciolo. La foto con Castel dell’Ovo e Capri sullo sfondo, magari al tramonto, non la potete perdere.

Lungomare Caracciolo con Castel dell'Ovo e vista Capri




2 - LA STAZIONE TOLEDO DELLA METROPOLITANA

Di certo nessuno avrebbe mai immaginato che la fermata di una metro potesse suscitare così tanto interesse. Eppure la Stazione Toledo è diventata famosa nel mondo e le foto volano sul web da anni. Chiunque passi a Napoli fa un salto in questa fermata della Linea 1 che si trova nel quartiere San Giuseppe.

The Daily Telegraph l’ha proclamata "Stazione più bella d’Europa e del mondo". Poi sono seguiti una serie di altri riconoscimenti e dalla sua apertura, in pochi anni, Stazione Toledo - che porta la firma dell’architetto catalano Oscar Tusquetes Blanca - è diventata il “Make sure you don’t miss it!” di ogni passante e viaggiatore.

Stazione Toledo, Napoli




3 - QUARTIERI SPAGNOLI

Se volete una foto particolare e a colori, fate un giro ai Quartieri Spagnoli. Un labirinto di vicoli sali-scendi, di folcore e di profumi tutti napoletani dove vive la gente più verace della città.

Una dritta per una bella foto anche qui. Cercate l'ingresso di via Santa Maria delle Grazie a Toledo. Questo vicolo, ad ogni festività e ricorrenza, cambia look con temi e decorazioni floreali, tanto che le foto del vicoletto hanno fatto il giro del mondo. Ci trovate mimose nel giorno della festa della donna, fiori di pesco in primavera, girasoli e tulipani d'estate, cuori e rose rosse a San Valentino. E addobbi di ogni forma, dimensione e colore. La stradina viene trasformata da un negozio di fiori che si chiama Volo Fiori. Per una foto spesso bisogna mettersi in fila.

Avete presente, poi, quello striscione famoso...“Essere napoletano è meraviglioso”? Bene, lo trovate qui.

Quartieri Spagnoli, Napoli




4 - PIAZZA PLEBISCITO

Altro luogo simbolo di Napoli e anche quello più grande. Piazza del Plebiscito è una meraviglia da non perdere non solo per la sua bellezza ma anche perché rappresenta un pezzo importantissimo della storia di Napoli. Deve il suo nome proprio al Plebiscito con cui il Regno delle Due Sicilie si unì al Piemonte dei Savoia e al resto d’Italia.

Potete scattare foto da qualsiasi angolazione, da Palazzo Reale, Chiesa, Palazzo Salerno o Piazza Trieste e Trento con sfondo Gran Caffè Gambrinus. Da qualunque prospettiva la foto sarà un capolavoro. Ma per me, la foto più bella, la più significativa, resta quella con la Chiesa di San Francesco di Paola alle spalle.

Piazza Plebiscito, Napoli




5 - LA SCALINATA DI CENERENTOLA, PALAZZO REALE DI NAPOLI

Il Palazzo Reale di Napoli, uno dei gioielli più belli della città e del Sud Italia.

Il Palazzo divenne dimora reale borbonica per il volere di Carlo III di Borbone ed è uno dei luoghi più visitati.

Ogni pezzo del palazzo merita di essere fotografato, dalla facciata principale alla sala del trono ma...lo scalone d’onore del Palazzo dove Cenerentola perse la sua scarpetta ha un fascino unico.

Ebbene sì, perché se non lo sapete, Cenerentola era napoletana.

Giambattista Basile, che per la cronaca era un mio compaesano, quando scrisse la Gatta Cenerentola che ispirò Disney, rese celebri i luoghi della Napoli che frequentava e, rimasto incantato dinanzi a tanta bellezza, ambientò su quei gradini di marmo il momento più importante della sua fiaba.

Lo scalone di Cenerentola al Palazzo Reale di Napoli




6 - LA FONTANA DI NETTUNO, LA FONTANA GIROVAGA

Bella è bella perché è una delle fontane storiche di Napoli, risale al Cinquecento e ha la firma di diversi scultori, tra cui Bernini e Fontana. Ma a renderla curiosa, e iconica, è il fatto che la Fontana di Nettuno è chiamata anche Fontana Nomade perché è la più trotterella della città. E' stata spostata un'infinità di volte, da Piazza Municipio a Piazza del Plebiscito, da Santa Lucia a via Medina, per fare ritorno attualmente proprio a Piazza Municipio.

Nonostante questo suo peregrinare, per fortuna nessun pezzo è andato perso.

In realtà, quest'ultima sembra essere proprio la sua collocazione naturale perché Nettuno, dio del mare e delle acque, ha il suo sguardo verso il Maschio Angioino e il porto, quasi a voler accogliere i naviganti in arrivo in città.

Fontana di Nettuno, Piazza Municipio



7 - LA GALLERIA UMBERTO I

Anche la Galleria Umberto I, costruita sul finire dell’Ottocento per omaggiare il Re che aiutò molto Napoli durante l’epidemia di colera del 1884, è uno dei luoghi iconici della città, in cui passano davvero tutti.

Basta alzare gli occhi al cielo per godersi lo spettacolo meraviglioso dell’immenso soffitto in vetro e metallo.

E’ diventata nota anche perché nel progetto fu inserita la costruzione del Salone Margherita, il primo Cafè Chantant d’Italia, realizzato proprio accanto al Teatro San Carlo. Uno scatto qui, con lo smartphone puntato sul soffitto, è un must have specie a Natale quando la galleria accoglie un grande albero che rende più magica l'atmosfera.

Galleria Umberto I, Napoli




8 - SPACCANAPOLI

Non esiste un posto che possa raccontare meglio Napoli. Qui batte il suo cuore, la sua essenza.

Spaccanapoli è la Napoli autentica, verace, quella che fa il giro del mondo senza risparmiare luoghi e angoli.

E' una delle cartoline più belle e non solo perché è una strada che taglia in due la città, da Nord a Sud, ma anche perché rappresenta un vero e proprio viaggio tra i quartieri che ne hanno fatto la storia, tra pezzi di cultura, arte, bellezza e buon cibo. Da Piazza del Gesù al Monastero di Santa Chiara, dalla Piazza San Domenico a San Gregorio Armeno: ogni vicolo e spazio sono location perfetta per scattare una foto.

Piazza del Gesù, Napoli





9 - NAPOLI E IL VESUVIO, IL VULCANO PIU' FAMOSO NEL MONDO

Il Vesuvio, l'ispirazione più grande per poeti, cantanti e artisti, con questo suo cono grande e bellissimo che abbraccia tutto il Golfo di Napoli come un Dio che protegge la città ma che, in realtà, sebbene dormiente resta attivo e talvolta impensierisce, è da sempre il simbolo più vero di Napoli.

Il Vesuvio è Napoli. E con i napoletani ha un legame speciale: ne identifica l’appartenenza.

E’ riprodotto in ogni modalità artistica possibile ed è l’immagine più ricorrente nelle fotografie di Napoli. Cosa vera per chi a Napoli ci vive e per chi a Napoli va e viene. Ogni momento e ogni stagione sono perfette per una foto sfondo Vesuvio. Una foto col Vesuvio sa di Napoli. Una foto col Vesuvio vuol dire mi sento napoletano anch'io”.

Napoli e il Vesuvio, il vulcano più famoso nel mondo




10 - PIZZA MADE IN NAPOLI

Una foto con la pizza? E si: una foto con "la pizza ca pummarola ‘ngopp" dà un sacco di soddisfazione.

Tra l'altro, in questo caso, la location è l’ultima cosa a cui pensare perché la vera protagonista è lei: la Regina Pizza.

Perché tanto quell’impasto squisito di farina, acqua, lievito e sale, lavorato come un’opera d’arte e condito d’amore, passione e fantasia, è una solo e lo fanno a Napoli.

E quindi, che siate dinanzi al mare o ai Quartieri, a Posillipo o al Rione Sanità, una foto con la pizza non avrà nemmeno bisogno di localizzazione: una foto con la pizza è lo scatto più Made in Napoli che c’è.

La Pizza Margherita a Napoli

244 visualizzazioni