MADEIRA. La gemma portoghese dell'Atlantico

May 20, 2016

Madeira, come la vita, resisti indomita e tenace all’eterno assalto delle onde del tempo...

 

Madeira, splendida isola dell'Atlantico che dà il nome ad un intero arcipelago di isole vulcaniche, ha un clima subtropicale eccezionale e vanta scorci e panorami sull’Oceano davvero singolari.  

La sua bellezza è nei paesaggi rigogliosi, nelle vallate verdi che si perdono a vista d’occhio tra le montagne avvolte dalla foschia mattutina, nei colori desertici che contrastano con l’azzurro del mare.

La sua natura conquista tutti, al punto che Madeira è il luogo d'incontro di tante persone di nazionalità diverse che spesso la scelgono non solo come posto di vacanza ma anche per trasferirsi e viverci. Definitivamente.

Sono stata qui tre volte e nonostante il poco tempo a disposizione ho avuto modo di apprezzarla perché quest'isola si lascia dolcemente scoprire. 

Il clima, così caldo e piacevole, è anche la sua ricchezza principale: per i vigneti che la rendono famosa per i suoi vini, per la presenza di una miriade di fiori che ne colorano ogni angolo, per la vegetazione fitta che avvicina il paesaggio ai tropici, per le coltivazioni di frutta e le piantagioni di banane che qui hanno un sapore particolarmente buono.

L'ultima volta, da Funchal, la capitale, abbiamo preso una macchina per fare un bel giro dell’isola. 

Ci siamo fermati prima a Camara do Lobos, un piccolo e colorato villaggio di pescatori così chiamato per la presenza di leoni marini che pare siano assidui frequentatori delle sue spiagge. Sarà...ma io non ne ho visto nemmeno uno.

Da lì, siamo arrivati in una manciata di minuti a Cabo Girão, promontorio portoghese molto famoso, una delle falesie più alte del vecchio continente con una vetta che raggiunge i 600 metri. Difficile spiegare bene la bellezza di questo posto, che ai suoi piedi ha immense distese di vigneti destinati alla produzione del liquoroso vino di Madeira. Che, tra l'altro, ho assaggiato ed è anche buonissimo.

Ricordo che durante il tragitto in macchina il panorama mi ha incantata: scogliere, vallate, mare, tra curve e tunnel in un paesaggio a tratti quasi fiabesco. E che, sinceramente, non mi aspettavo di vedere da queste parti. In effetti, mi ha stupito vedere quest'area dell'isola. Paesaggisticamente ho trovato una certa similitudine con il Connemara in Irlanda. Benché quest’ultima credo abbia una bellezza selvaggia non paragonabile a nessun'altro posto in Europa. 

Un posto che mi è piaciuto molto è Eira de Serrado. Da qui, dopo una passeggiata che a me in verità è parsa più una scalata, siamo giunti in un bellissimo punto di osservazione dal quale si gode di una splendida vista sulla Valle delle Suore, un tempo rifugio degli isolani nel periodo delle invasioni.

La posizione dall'alto e la vista sulla vallata fanno sentire un po' fuori dal mondo e regalano un grande senso di libertà.

Chi sceglie Madeira lo fa anche per vivere il mare. Non è che qui ci siano tantissime spiagge e quelle che ho visto sono vulcaniche: mare blu intenso, sabbia e sassi scuri. Quindi nulla di tropicale, a dispetto del clima, ma sono comunque belle e il mare, anche se siamo in pieno Oceano Atlantico, in alcune zone è molto calmo. 

Sull'isola c’è una cosa molto carina da fare (a me è capitato di sperimentarla alle Azzorre). Ci sono molte scogliere e grandi insenature create dal mare. L’Oceano, nei secoli, con la forza dell’acqua, ha dato vita a bellissime piscine naturali che vengono prese d’assalto sia dai turisti che dagli isolani. Un modo alternativo per fare un bagno in acque tranquille con una spettacolare vista mare. Le piscine più belle, e anche le più famose, sono quelle di Porto Moniz, località gettonatissima sia d'inverno che d'estate.

Ma l'arcipelago è variegato. A Porto Santo, per esempio, le scogliere lasciano il posto a lunghe distese di sabbia dorata. Mentre le Desertas, piccole isole conosciute come Deserta Grande, Bugio, Ilhéu Chão e Prego do Mar, sono riserve naturali in cui abita la foca monaca mediterranea. Infine, molto più a sud, le Selvagens sono il rifugio naturale di colonie di uccelli marini.

Come detto, sono stata diverse volte qui, ma mai d'inverno. Forse bisognerebbe provare. 

Dicono che festeggiare il Capodanno a Madeira sia un grande evento perché per l’ultimo dell’anno organizzano fuochi d’artificio e giochi di luce considerati tra i più belli al mondo e che già da un po' sono nel Guinness dei Primati. Tra l'altro, e questa cosa vale tantissimo, le persone sono sempre sorridenti e molto ospitali. La gente è tranquilla, non vive lo stress della routine quotidiana cui noi siamo, invece, oramai abituati. E non c’è niente di più bello, secondo me, che trovarsi in un posto lontano da casa ed essere accolti con un sorriso e a braccia aperte, sempre...

Please reload

POTREBBE PIACERTI ANCHE... 
Please reload

- Note Legali

Questo Blog non è una testata giornalistica e non è un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.

I testi pubblicati, i video e le foto usate sono originali e coperte da copyright. Tutti i diritti sono riservati.

Melania Bifaro | Giornalista | Travel Blogger

All Rights Reserved - 2016

  • Facebook - Black Circle
  • Instagram - Black Circle
  • LinkedIn - Black Circle
  • YouTube - Black Circle
  • Twitter - Black Circle
  • Google+ - Black Circle